Abdallah Khaled. La patria interiore

Abdallah Khaled. La patria interiore
Alberto Buffetti Arte
Grafiche Turato Edizioni
Stampa Offset

***

Sedersi in un parco, con il cielo di un azzurro perfetto e trovare un angolo d’ombra, che è nostra, privata, per tutto il tempo che desideriamo. Così, alla stessa maniera, ci piacerebbe entrare in un museo o in una galleria d’arte, per vedere una mostra.
Magari non abbiamo mai pensato molto a mostre e musei, a quadri, sculture, a disegni e incisioni, ma ora potrebbe piacerci l’idea di sederci in uno di questi posti. Magari soltanto rimanere seduti a guardare un’opera esposta, da una certa distanza.
Guardare. Trascorrere tutto il giorno, o un’ora, o un minuto soltanto a fare nient’altro che guardare un quadro. Questo solo pensiero evoca già piaceri compositi. Il nostro pomeriggio clandestino in compagnia di un dipinto. E poi un altro. E poi un altro ancora, poi tutta la mostra.
Certo ci suscita invidia chi colleziona le opere d’arte: ha un privilegio; un rapporto speciale con queste: la possibilità di osservarle a lungo, di restare colpito e capire il perché.
Ma anche noi possiamo capire. Ci sono mostre e ci sono cataloghi, apposta per noi. […]

Vorremmo che i nostri cataloghi venissero avvicinati come una collina accessibile, non come una montagna che intimorisce; ed è questo che vorremmo offrire: libri che abbiano insieme il gusto del romanzo e delle guide di viaggio per un luogo che forse non conosciamo bene. Non vogliamo trasmettere una dottrina, ma solo proporre un personale accostamento di temi ed artisti diversi.
«Cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all’inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.» diceva Marco Polo al Kublai Kan.
Noi rimaniamo affascinati da questa ricerca, come crediamo saranno i lettori che avranno voglia di accostarsi a questi libri e alle mostre; affascinati dalle tappe di un percorso emozionale ed intellettuale, a cui non siamo più abituati a prestare attenzione e a dare importanza.
«La bellezza non è un bisogno, ma un’ebbrezza. Non è una bocca assetata, né una mano vuota protesa, Ma piuttosto un cuore ardente e un’anima incantata.» diceva il poeta Kahlil Gibran.

E allora mettetevi comodi, nel vostro angolo d’ombra privata. Vi auguriamo di cuore una buona mostra e una buona lettura.

Alberto Buffetti, “Storie di ordinaria meraviglia”

Condividi:

Altri Progetti

La bambina che aveva parole matilda possentini anatra albo illustrato

La bambina che aveva parole

La bambina che aveva parole | Matilda Editrice Illustrazioni di Sonia Maria Luce Possentini Testo di Maria Grazia Anatra Progetto grafico Stampa Offset Un albo

Codex biblioteca universitaria manoscritto anastatica padova

Codex. Il manoscritto Padova

Codex | Il manoscritto Padova, Biblioteca Universitaria, 688 a cura di Mattia Milani Grafiche Turato edizioni Stampa offset Stampa digitale Un progetto editoriale senza precedenti

Salvatore Montemagno. Silenzi

Salvatore Montemagno. Silenzi. Tra la quiete e l’inquietudine Ideazione, cura e testi di Paolo Capelletti Stampa digitale Grafiche Turato Edizioni ISBN 989-88-98997-84-8   *** 1.

Turcato colori mai visti galleria marchetti

Giulio Turcato. Colori mai visti

Giulio Turcato. Colori mai visti Catalogo della mostra. Galleria Marchetti, via Margutta 8, Roma. Dal 15 aprile al 17 giugno 2021, a cura di Silvia

Gianni Berno. Gabriella

Gianni Berno, Gabriella Progetto grafico Stampa digitale Grafiche Turato edizioni Un figlio racconta la sua esperienza familiare e in particolare con brevi e intense memorie