Abdallah Khaled. La patria interiore

Abdallah Khaled. La patria interiore
Alberto Buffetti Arte
Grafiche Turato Edizioni
Stampa Offset

***

Sedersi in un parco, con il cielo di un azzurro perfetto e trovare un angolo d’ombra, che è nostra, privata, per tutto il tempo che desideriamo. Così, alla stessa maniera, ci piacerebbe entrare in un museo o in una galleria d’arte, per vedere una mostra.
Magari non abbiamo mai pensato molto a mostre e musei, a quadri, sculture, a disegni e incisioni, ma ora potrebbe piacerci l’idea di sederci in uno di questi posti. Magari soltanto rimanere seduti a guardare un’opera esposta, da una certa distanza.
Guardare. Trascorrere tutto il giorno, o un’ora, o un minuto soltanto a fare nient’altro che guardare un quadro. Questo solo pensiero evoca già piaceri compositi. Il nostro pomeriggio clandestino in compagnia di un dipinto. E poi un altro. E poi un altro ancora, poi tutta la mostra.
Certo ci suscita invidia chi colleziona le opere d’arte: ha un privilegio; un rapporto speciale con queste: la possibilità di osservarle a lungo, di restare colpito e capire il perché.
Ma anche noi possiamo capire. Ci sono mostre e ci sono cataloghi, apposta per noi. […]

Vorremmo che i nostri cataloghi venissero avvicinati come una collina accessibile, non come una montagna che intimorisce; ed è questo che vorremmo offrire: libri che abbiano insieme il gusto del romanzo e delle guide di viaggio per un luogo che forse non conosciamo bene. Non vogliamo trasmettere una dottrina, ma solo proporre un personale accostamento di temi ed artisti diversi.
«Cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all’inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.» diceva Marco Polo al Kublai Kan.
Noi rimaniamo affascinati da questa ricerca, come crediamo saranno i lettori che avranno voglia di accostarsi a questi libri e alle mostre; affascinati dalle tappe di un percorso emozionale ed intellettuale, a cui non siamo più abituati a prestare attenzione e a dare importanza.
«La bellezza non è un bisogno, ma un’ebbrezza. Non è una bocca assetata, né una mano vuota protesa, Ma piuttosto un cuore ardente e un’anima incantata.» diceva il poeta Kahlil Gibran.

E allora mettetevi comodi, nel vostro angolo d’ombra privata. Vi auguriamo di cuore una buona mostra e una buona lettura.

Alberto Buffetti, “Storie di ordinaria meraviglia”

Condividi:

Altri Progetti

Lucia Romanelli. Opere 1971-2021

Lucia Romanelli. Opere 1971-2021 | Grafiche Turato Edizioni Catalogo antologico Allontanarsi, con l’Arte, da una parte di sé indefinibile, impalpabile, per poi ritrovarla sulla superficie

Ferrariae decus 35 ferrara

Ferrariæ Decus n. 35

Ferrariae Decus 35 + Supplemento monografico In 2 volumi una esaustiva indagine sul complesso epigrafico degli Statuti del 1173. Ferrariæ Decus n. 35 | La

sette croste fonsato crusca diario

Sette croste. Gianluca Fonsato

Fotografia, narrazione, illustrazione: Sette Croste, l’oblio del pane è un libro-diario che racconta tre viaggi che avvengono in tre dimensioni diverse: il viaggio fisico di